66.

  L’amore è l’unico teatro in cui nessuno vuol essere spettatore ma tutti attori protagonisti, persino i saggi accigliati e sprezzanti.