Crea sito

Posts Tagged ‘autobiografia’

134.

Nessun piacere è autentico che non discenda dall'aver abbattuto un ostacolo.

 
 
 
 

130.

L'ozio è il padre delle virtù, la pigrizia la madre dei vizi.

 

 
 
 

autobiografico.

Assomiglio a una pianta, in cui la parte sotterranea sia simile nella struttura generale ma non particolare, a quella che si protende in alto; alle radici sgraziate e umidicce si oppongono gli alti rami fioriti e profumati. Così, se mi radico nella normalità, fiorisce la mia follia, se invece permetto alla mia follia di radicarsi in fondo, la normalità è per me una splendida fioritura. La banalità e lo squilibrio di ciò che è sempre al sole o sempre sotterrato non mi appartengono.


Antiamleto

Si fotta il pallido pensiero, simile al mio volto abituato alla luce lunare. E mi scotti il sole della determinazione, non importa! Resterà splendore di pelle bronzea.

 

 

 

  
 

125.

Poetare è il modo più accurato di descrivere un'illusione: la fa provare.

 

 
 
 

105.


È il non sapersela godere a rendere sgradevole la tristezza.

 
 
 
 

99.


Il piacere più vizioso di tutti è quello dell’autocommiserazione.

 

 

Rido


  Rido delle pose, delle drammatizzazioni, delle razionalizzazioni, delle palpitazioni ad arte. Rido di tutta la retorica dei sentimenti, di ogni scimmiottatura di Purezza e Perfezione che voglia coprire l’essere scimmia di parte dell’uomo. Rido delle difese inutili e degli attacchi patetici a difesa dei propri fantasmi. Rido della fantasia malata che è il pensiero e del pensiero malato che crede che il mondo sia il proprio privato mondo fantastico, privato del mondo. Rido della costrizione a mentire o di quella a vivere, che è lo stesso, ma non della vita stessa. Rido della viltà e più ancora di ciò che l’ammanta di prodezza. Rido di chi vede solo con gli occhi e non sente ciò che non ha voce. Rido di me stesso perché in fondo non ne sono capace.

  
 

88.


L’amore, così come l’arte, ha la proprietà rara di non perdere fascino una volta che se ne riconosca la natura di finzione.