Crea sito

Archive for marzo, 2008

14.

Ciò che viene conosciuto testimonia di rappresentare (o d’aver rappresentato) un pericolo.

 

 

  

13.

Come può darsi il nichilismo senza una volontà di Verità? – E’ quest’ultima dunque che bisogna annichilire.

 

 

   

13.

Cosa cercano, in fondo, le donne negli uomini? Una gabbia abbastanza grande da poterci volare dentro…

 

 

     

12.

Si dice che il padre dei vizi sia l’ozio, ma il vizio peggiore resta il lavoro.

   

  

 

11.

 
Pretendere una razionalità assoluta è irragionevole.

 

 

9.

Riguardo all’omosessualità la posizione della chiesa è scorretta ma comprensibile. Se sotto ogni rispetto  l’omosessualità venisse parificata all’eterosessualità che bisogno ci sarebbe di farsi preti?

 

     

8.

Ogni critica o confutazione delle filosofie altrui consiste sempre nel mostrarne l’inconsistenza o la mera convenzionalità dei presupposti. Ma la filosofia stessa poggia sul presupposto, ad un tempo convenzionale e inconsistente, che la realtà possa essere razionalmente compresa.

 

 

     

7.

La cattiveria è uno dei più comuni passatempi dell’uomo, uno dei suoi mezzi principali per vincere la noia. E in fondo non è altro che questo.

 

 

  

6.


Il vero salto di qualità nella comprensione del mondo avviene solo quando si inizia a considerare i pensieri come cose, alla stregua cioè della penna con la quale sto scrivendo questa proposizione.

 

 

  

5.


Filosofo è chi, non avendo reperito soddisfacenti “manuali per vivere”, se ne crea uno tutto per sé e, invece di saggiarne la bontà pratica, lo pubblica. Che siano gli altri a provarlo, non ci si può abbassare a vivere! – Forse ché il filosofo sa in cuor suo che non possono esistere manuali del genere?